Azioni da Comprare oggi 3 Aprile

Giornata ricca di azioni interessanti da comprare quella di oggi: abbiamo ben 5 possibili breakout, che se avvenissero potrebbero risultare dei buoni investimenti anche sul medio e lungo termine. Vediamo insieme le 5 azioni nel dettaglio:

Azioni da Comprare oggi 3 Aprile

Hologic / HOLX: Nasdaq

Hologic è una società del settore medico tecnologico che sviluppa, produce e fornisce prodotti diagnostici, sistemi di imaging medicale e prodotti chirurgici per donne negli Stati Uniti, in Europa, nell’area Asia-Pacifico e a livello internazionale.

Opera in cinque segmenti: Diagnostica, Salute del seno, Estetica medica, GYN chirurgico e Salute scheletrica. L’azienda offre test diagnostici molecolari Aptima, tecnologia di estrazione dell’acquisizione target / acido nucleico, tecnologia di amplificazione mediata da trascrizione, protezione di ibridazione e tecnologie di dosaggio cinetico doppio, strumentazione, piattaforma di chimica Invader, sistema ThinPrep e test rapidi di fibronectina fetale. Fornisce inoltre prodotti per l’imaging e l’analisi della mammella, quali sistemi di mammografia 2D e 3D e workstation di lettura, sistemi e dispositivi per la biopsia mammaria minimamente invasivi, marcatori di biopsia e biopsia mammaria, localizzazione, radiologia dei campioni, ultrasuoni e soluzioni di connettività.

Inoltre, l’azienda offre portali Selenia Dimensions e 3Dimensions per l’acquisizione e la visualizzazione di immagini 2D e tomosintesi; C-View e prodotti software intelligenti 2D; SecurView Workstations; sistemi di rilevamento assistito da computer; e sistemi di biopsia del seno stereotassici.

Fornisce i sistemi di trattamento estetico SculpSure, PicoSure e MonaLisa Touch; TempSure, una piattaforma di energia a radiofrequenza; e MedLite e altri prodotti e componenti di sistema per l’estetica medica. Inoltre, l’azienda offre NovaSure, un sistema di ablazione endometriale per il trattamento di donne affette da sanguinamento uterino anormale; MyoSure prodotti chirurgici per la rimozione di fibromi e polipi uterini e altre patologie; e Horizon DXA System e Fluoroscan Insight FD prodotti per la salute scheletrica. Vende i suoi prodotti attraverso vendite dirette e forze di servizio, e una rete di distributori e rappresentanti di vendita indipendenti.

Azioni da Comprare oggi 3 Aprile

ACI Worldwide Inc. / ACIW: Nasdaq

ACI Worldwide fornisce prodotti e servizi software per facilitare i pagamenti elettronici a banche, intermediari finanziari, commercianti e società in tutto il mondo.

Offre una soluzione UP Payment Payments che consente alle banche di accettare, autorizzare, instradare e proteggere le transazioni di pagamento e soluzioni ACI Card e Merchant Management, tra cui emissione e gestione di carte di credito, debito, smart card e prepagate, nonché gestione e liquidazione del conto commerciale.

La società offre inoltre la soluzione UP Immediate Payments, che fornisce connettività a schemi di pagamento in tempo reale a livello nazionale e crea vari prodotti; e UP soluzione di pagamenti in tempo reale che consente alle banche di indirizzare RTGS, messaggistica SWIFT, ACH e pagamenti in tempo reale. Inoltre, offre Postilion; ACI PAY.ON Payments Gateway; ACI ReD Shield, una soluzione per la prevenzione delle frodi in tempo reale, oltre alla soluzione UP eCommerce Payments; e la soluzione di gestione dei rischi UP Payments e la piattaforma ACI Universal Online Banker.

Fornisce anche soluzioni di pagamento in bolletta UP, che consentono ai clienti di presentare fatture e incassare i pagamenti dai consumatori per via elettronica attraverso una singola piattaforma integrata che controlla l’operazione di pagamento delle fatture.

Altri servizi forniti sono legati ai settori della finanza al consumo, assicurazioni, sanità, istruzione superiore, tasse e servizi pubblici; e servizi di implementazione, incluse installazioni, configurazioni di prodotti e modifiche software personalizzate; consulenza aziendale e tecnica e servizi di supporto in loco, oltre a distribuire o agire come agente di vendita per software sviluppato da terze parti. La società commercializza i propri prodotti e servizi con i marchi ACI Worldwide, ACI Universal Payments e ACI UP.

Azioni da Comprare oggi 3 Aprile

DTE Energy Company / DTE: Nyse

DTE Energy Company con il segmento Electric della società genera, acquista, distribuisce e vende elettricità a circa 2,2 milioni di clienti residenziali, commerciali e industriali nel sud-est del Michigan. Genera elettricità attraverso combustibili fossili, accumulo di energia idroelettrica e centrali nucleari, nonché energia eolica e altre risorse rinnovabili. Questo segmento possiede e gestisce circa 696 sottostazioni di distribuzione e 442.700 trasformatori di linea.

Il segmento Gas della società acquista, immagazzina, trasporta, distribuisce e vende gas naturale a circa 1,3 milioni di clienti residenziali, commerciali e industriali in tutto il Michigan; e vende capacità di stoccaggio e trasporto. Questo segmento ha circa 19.800 miglia di rete di distribuzione; 1.305.000 pipeline di servizi; e 1.273.000 metri attivi, oltre a possedere circa 2.000 miglia di condutture di trasmissione. Il segmento Gas Storage and Pipelines possiede i giacimenti di stoccaggio di gas naturale, i sistemi di condotte laterali e di raccolta, le strutture di compressione e di superficie e ha interessi di proprietà nelle pipeline interstatali che servono i mercati del Midwest, dell’Ontario e di nord-est.

Il segmento Power and Industrial Projects della compagnia offre il carbone metallurgico, carbone polverizzato e coke di petrolio per l’acciaio, la polpa e la carta e altre industrie; e produzione di energia elettrica, vapore e refrigerata e servizi di trattamento delle acque reflue, nonché fornitura di aria compressa ai clienti industriali. Inoltre possiede e gestisce 5 impianti di produzione rinnovabili con una capacità di 217 MW; 23 siti di recupero di gas di discarica; e 10 impianti di carburante a emissioni ridotte.

Per finire, il segmento di Energy Trading si occupa di marketing e trading di energia e gas; transazioni strutturate; e l’ottimizzazione delle posizioni di trasporto e stoccaggio dei gasdotti contrattabili.

Azioni da Comprare oggi 3 Aprile

World Wrestling Entertainment / WWE: Nyse

World Wrestling Entertainment è una società di media e intrattenimento integrata, opera nel settore dello spettacolo sportivo in Nord America, Europa, Medio Oriente, Africa, Asia Pacifico e America Latina. Funziona in tre segmenti: media, eventi dal vivo e prodotti di consumo.

Il segmento Media si impegna nella produzione e monetizzazione di contenuti multimediali di forma estesa e in forma abbreviata su varie piattaforme, tra cui WWE Network, televisione a pagamento, media digitali e social, oltre all’intrattenimento filmato.

Il segmento Eventi dal vivo è coinvolto nella vendita di biglietti, inclusa la distribuzione primaria e secondaria; fornitura di servizi per eventi; e vendita di pacchetti di viaggio relativi ai suoi eventi live.

Il segmento Consumer Products si occupa del merchandising di prodotti con marchio WWE, come videogiochi, giocattoli, abbigliamento e libri attraverso accordi di licenza e vendite dirette al consumatore, nonché attraverso piattaforme di e-commerce. La società è stata fondata nel 1980 e ha sede a Stamford, nel Connecticut.

Azioni da Comprare oggi 3 Aprile

GoDaddy / GDDY: Nyse

GoDaddy è uno dei più famosi fornitori di hosting per siti web del mondo, inoltre progetta e sviluppa prodotti tecnologici basati su cloud per piccole imprese, professionisti del design Web e individui negli Stati Uniti e a livello internazionale.

La società fornisce un prodotto di registrazione del nome di dominio che consente di coinvolgere i clienti nella fase iniziale di creazione di un’identità digitale; e hosting di prodotti, tra cui hosting di siti Web condivisi, hosting di siti Web su server privati ​​virtuali e server virtuali dedicati, hosting gestito e sicurezza.

Offre inoltre prodotti come GoCentral, che consente ai clienti di creare siti Web e negozi online; una gamma di strumenti di marketing progettati per aiutare le aziende ad acquisire e coinvolgere i clienti, nonché per l’ottimizzazione dei motori di ricerca che aiuta i clienti a trovare i loro siti Web sui siti di ricerca; e servizi di gestione dei social media. Offre prodotti applicativi aziendali, come Microsoft Office 365, account di posta elettronica, marketing via email e servizi di telefonia.

Vuoi sapere come impostare gli ordini di acquisto? Iscriviti alla newsletter:

Quanto posso guadagnare con il Trading online?

guadagnare trading online

Oggi voglio tentare di rispondere ad una delle più frequenti domande che ricevo via email o via messaggio dagli utenti di azionidacomprare.com: quanto si guadagna con il trading?

Le aspettative di guadagno con il trading online

Questo tipo di domande vengono generalmente da chi si approccia per la prima volta al trading, magari dopo aver visto online qualche pubblicità che spiegava quanto sia facile guadagnare partendo da un capitale minimo, anche di 100 €.

In realtà, come potete ben capire, le cose stanno in maniera del tutto differente: guadagnare con il trading non è facile e sicuramente implica studio e conoscenza di ciò che si sta facendo, evitando improvvisazioni che possono polverizzare il capitale investito in pochissimo tempo.

Tuttavia, esistono delle statistiche che possiamo prendere come riferimento per capire quanto effettivamente possa essere il margine di guadagno medio nel trading online.

Capitale, rischio e rendimento nel trading

Partiamo dal presupposto che prima di investire avremo realizzato il nostro Piano di Trading, con le regole ferree alle quali ci atterremo, il rischio che siamo disposti a correre per ogni singola operazione e la strategia di investimento che abbiamo deciso di adottare.

Chiaramente avremo anche un Trading Journal, che terremo sempre aggiornato.

Fatte queste dovute premesse, possiamo dire che nella migliore delle ipotesi, un guadagno annuale compreso tra il 5% e il 10% del capitale è un’ottimo risultato: basti pensare infatti che i grandi investitori e gli hedge funds più importanti hanno una media di rendimento compresa (quando va bene) tra il 15% e il 25% annuale.

Sono cifre lorde alle quali dovremo togliere i costi di commissioni e le tasse, che in Italia sono al 26% sui guadagni legati al trading, e che andranno pagati l’anno successivo con la dichiarazione dei redditi. Se siete liberi professionisti saprete già di cosa stiamo parlando, mentre per un impiegato o un dipendente pubblico è una parte del lavoro più difficile da comprendere. In ogni caso dovrete poi scaricare i moduli in pdf generati dalla vostra banca o broker e presentarli al commercialista per la dichiarazione dei redditi.

Molte banche (fineco e directa ad esempio) fanno da sostituti d’imposta, quindi decurtano già mensilmente il 26% dagli utili. Valutate voi se preferite gestire in maniera autonoma la cosa.

Quanto Capitale serve per fare Trading

Da queste cifre che abbiamo esposto ti sarai reso conto che non si può pensare di fare trading con 1.000 €, e che onestamente, il minimo capitale immaginabile sia 5.000 €.

Perchè dico questo?

Perché dipende tutto dal rischio che si vuole correre per ogni singola operazione. Nessuno di noi infatti sarebbe così sciocco di investire tutto il proprio capitale in un’unica operazione, sarebbe il primo passo verso la rovina finanziaria.

Invece, seguendo le regole del money management, i trader professionisti non investono più dell’1% del capitale su ogni singola operazione: si può arrivare al 2% ma bisogna essere consapevoli che non conviene superare questa cifra. Bisogna infatti dare la precedenza al mantenimento del capitale e ad operare per bene, i guadagni sono solo una conseguenza di questo.

Così insegnano Warren Buffett ed Alexander Elder, solo per citare due tra i più grandi investitori della storia di Wall Street.

Dove investire il capitale

Il mercato finanziario è veramente variegato ed include una serie infinita di prodotti, perlopiù derivati ed estremamente rischiosi.

Il suggerimento che posso dare, nell’ottica di investire sul medio e lungo termine per riuscire a generare una rendita, è quello di operare sulle azioni USA, no cfd ma azioni reali e senza leva o conti a margine.

Evitare quindi CFD, leve, opzioni, opzioni binarie, forex, bitcoin e cripto, che sono tutti prodotti non regolamentati e che vengono proposti a chi si avvicina al trading per spennarlo.

Se ti iscrivi alla mia newsletter potrai ricevere un segnale di trading gratis a settimana ed incominciare un percorso che ti porterà a diventare un’investitore consapevole che ha cura del proprio capitale.

La curva di rendimento inversa e il suo impatto sulla Recessione USA

Con il termine curva di rendimento (Yield Curve in inglese) si intende la relazione tra i tassi di interesse a breve e a lungo termine dei titoli a reddito fisso emessi dal Tesoro statunitense.

Una curva dei rendimenti inversa si verifica quando i tassi di interesse a breve termine superano i tassi a lungo termine, ne abbiamo in parte già parlato nel nostro articolo sulla Recessione USA; ora invece approfondiremo dal punto di vista tecnico la curva di rendimento e perché impatta in maniera così importante sull’economia.

Tassi di interesse e Curve di rendimento

Da un punto di vista economico, una curva di rendimento inversa è un evento degno di nota perché è da considerarsi un fenomeno raro: imparare a conoscerlo e prevederlo, per quanto sia possibile, aiuta nel gestire il proprio portfolio di investimenti preparandosi a periodi di mercato meno felici.

In genere, i tassi di interesse a breve termine sono inferiori ai tassi a lungo termine, pertanto la curva dei rendimenti è in salita, riflettendo rendimenti più elevati per gli investimenti a lungo termine. In questo caso avremo una curva di rendimento del tutto normale.

Quando lo spread tra i tassi di interesse a breve e a lungo termine si restringe, la curva dei rendimenti inizia ad appiattirsi. Una curva di rendimento piatta viene spesso osservata durante la transizione da una curva di rendimento normale a una invertita, perché come per le azioni prima di una discesa dei prezzi o di una salita c’è sempre un momento di stallo, sia esso breve o lungo.

curva di rendimento normale

Cosa suggerisce una curva di rendimento inversa?

Storicamente, una curva dei rendimenti inversa è vista come un indicatore di una recessione economica in arrivo. Quando i tassi di interesse a breve termine superano i tassi a lungo termine, l’opinione del mercato suggerisce che le prospettive a lungo termine sono scarse e che i rendimenti offerti dal reddito fisso a lungo termine continueranno a scendere.

Tuttavia, negli ultimi anni questo tipo di punto di vista è stato messo spesso in discussione dagli analisti, poiché gli acquisti esteri di titoli emessi dal Tesoro statunitense hanno creato un livello elevato e sostenuto di domanda di prodotti sostenuti dal debito del governo degli Stati Uniti. Dunque ci sono altri fattori che incidono nel bene o nel male sulla curva di rendimento.

Quando gli investitori sono alla ricerca di strumenti di debito, il debitore può offrire tassi di interesse più bassi. Quando ciò accade, molti sostengono che sono le leggi della domanda e dell’offerta, piuttosto che una crisi finaziaria, che consentono ai prestatori di attrarre acquirenti senza dover pagare tassi di interesse più elevati.

curva di rendimento inversa

Abbiamo detto che le curve dei rendimenti inverse sono state relativamente rare, perché sono intervallate da lunghi periodi di crescita economica. Ad esempio, le espansioni economiche iniziate nel marzo 1991, novembre 2001 e giugno 2009 sono state tre delle quattro espansioni economiche più lunghe dalla seconda guerra mondiale. Durante questi lunghi periodi, si pone spesso la questione se una curva di rendimento invertita possa ripetersi.

I cicli economici, indipendentemente dalla loro lunghezza, sono storicamente passati dalla crescita alla recessione e viceversa. Le curve di rendimento inversesono un elemento essenziale di questi cicli, che precedono ogni recessione dal 1956. Considerando la coerenza di questo modello, un rendimento invertito probabilmente si formerà di nuovo se l’attuale espansione sfuma alla recessione.

Le curve dei rendimenti inclinate verso l’alto sono un’estensione naturale dei maggiori rischi associati alle lunghe scadenze. In un’economia in crescita, gli investitori chiedono anche rendimenti più elevati nella parte lunga della curva per compensare il costo opportunità di investire in obbligazioni rispetto ad altre classi di attività e mantenere uno spread accettabile rispetto ai tassi di inflazione.

Poiché il ciclo economico inizia a rallentare, forse a causa degli aumenti dei tassi da parte della Federal Reserve Bank, la pendenza della curva dei rendimenti tende ad appiattirsi all’aumentare dei tassi a breve termine e i rendimenti più lunghi rimangono stabili o diminuiscono leggermente. In questo contesto, gli investitori vedono i rendimenti a lungo termine come un sostituto accettabile per il potenziale di rendimenti più bassi in azioni e altre classi di attività, che tendono ad aumentare i prezzi delle obbligazioni e a ridurre i rendimenti.

Impatto sulla curva dei rendimenti inversi sui consumatori

Oltre al suo impatto sugli investitori, anche una curva dei rendimenti inversi ha un impatto sui consumatori. Ad esempio, gli acquirenti di case che finanziano le loro proprietà con mutui a tasso variabile hanno programmi di tassi di interesse che vengono periodicamente aggiornati in base ai tassi di interesse a breve termine. Quando i tassi a breve termine sono più alti dei tassi a lungo termine, i pagamenti tendono a salire. Quando ciò accade, i prestiti a tasso fisso possono essere più allettanti dei prestiti a tasso variabile.

Le linee di credito sono influenzate in modo simile: in entrambe i casi, i consumatori devono dedicare una parte maggiore dei loro redditi al servizio del debito esistente. Ciò riduce il reddito spendibile e ha un effetto negativo sull’economia nel suo insieme.

La formazione di una curva di rendimento inversa

A fronte di un imminente aumento della recessione, gli investitori tendono ad acquistare obbligazioni del Tesoro lunghe sulla base del presupposto che offrono un porto sicuro dal calo dei mercati azionari, forniscono la conservazione del capitale e hanno un potenziale apprezzamento in valore man mano che i tassi di interesse diminuiscono. Come conseguenza della rotazione verso scadenze lunghe, i rendimenti possono scendere al di sotto dei tassi a breve termine, formando una curva dei rendimenti invertiti. Dal 1956, le azioni hanno raggiunto il picco sei volte dopo l’inizio di un’inversione e l’economia è caduta in recessione entro sette-venti mesi.

A partire dal 2017, la curva dei rendimenti inversi più recente è apparsa per la prima volta nell’agosto del 2006, quando la Fed ha aumentato i tassi di interesse a breve termine in risposta al surriscaldamento dei mercati azionari, immobiliari e dei mutui. L’inversione della curva dei rendimenti ha preceduto il picco di Standard & Poor’s 500 nell’ottobre 2007 di 14 mesi e l’inizio ufficiale della recessione nel dicembre 2007 di 16 mesi. Tuttavia, un numero crescente di prospettive economiche del 2018 da parte delle imprese di investimento suggeriscono che una curva dei rendimenti inversa potrebbe essere all’orizzonte, citando il restringimento tra i titoli del Tesoro a breve e lungo termine.

Se la storia è un precedente, l’attuale ciclo economico progredirà e il rallentamento dell’economia potrebbe diventare evidente. Se le preoccupazioni della prossima recessione salgono al punto in cui gli investitori vedono l’acquisto di titoli del Tesoro a lungo termine come l’opzione migliore per i loro portafogli, c’è un’alta probabilità che la prossima curva dei rendimenti invertiti si configuri.

Impatto della curva dei rendimenti inversi sugli investitori a reddito fisso

L’inversione della curva dei rendimenti ha il maggiore impatto sugli investitori a reddito fisso. In circostanze normali, gli investimenti a lungo termine hanno rendimenti più elevati; perché gli investitori stanno rischiando i loro soldi per periodi di tempo più lunghi, vengono premiati con pagamenti più alti . Una curva invertita elimina il premio di rischio per gli investimenti a lungo termine, consentendo agli investitori di ottenere rendimenti migliori con investimenti a breve termine .

Quando lo spread tra titoli del Tesoro USA (un investimento privo di rischio) e alternative aziendali a rischio più elevato è ai minimi storici, è spesso una decisione facile investire in veicoli a basso rischio. In tali casi, l’acquisto di un titolo garantito dal Tesoro fornisce un rendimento simile al rendimento di obbligazioni spazzatura , obbligazioni societarie , fondi comuni di investimento immobiliare (REIT) e altri strumenti di debito, ma senza il rischio inerente a tali veicoli. Anche i fondi del mercato monetario e i certificati di deposito (CD) possono essere attraenti, in particolare quando un CD di un anno paga rendimenti paragonabili a quelli di un titolo del Tesoro decennale .

Impatto sulla curva dei rendimenti inversi sugli investitori azionari

Quando la curva dei rendimenti si inverte, i margini di profitto diminuiscono per le società che prendono in prestito denaro a tassi a breve termine e prestano a tassi a lungo termine, come le banche comunitarie. Allo stesso modo, gli hedge fund sono spesso costretti ad assumere un rischio maggiore per raggiungere il livello desiderato di rendimento.

Nonostante le loro conseguenze per alcune parti, le inversioni della curva dei rendimenti tendono ad avere un impatto minore sui beni di prima necessità e sulle aziende sanitarie, che non dipendono da tassi d’interesse. Questa relazione diventa chiara quando una curva di rendimento invertita precede una recessione. Quando ciò accade, gli investitori tendono a rivolgersi a titoli difensivi , come quelli dell’industria alimentare, del petrolio e del tabacco, che sono spesso meno colpiti dalle flessioni dell’economia.

Non cercare di prevedere il futuro

Mentre gli esperti si chiedono se una curva dei rendimenti inversa rimane un forte indicatore di una recessione economica in sospeso, tieni presente che la storia è piena di portafogli che sono stati devastati quando gli investitori hanno seguito ciecamente le previsioni di vario genere (a favore o contro), un pò come se si facesse la martingala o la marginala inversa.

Se vuoi essere un investitore intelligente, ignora il rumore. Invece di spendere tempo e sforzi cercando di capire cosa porterà il futuro cercando di prevederlo (cosa impossibile), costruisci il tuo portafoglio sulla base di convinzioni a lungo termine e non movimenti di mercato a breve termine. Il tuo trading ne gioverà.

Per le tue esigenze di reddito a breve termine, fai l’ovvio: scegli l’investimento con il rendimento più alto, ma tieni presente che le inversioni sono un’anomalia e non durano per sempre. Quando l’inversione termina, modifica il tuo portafoglio di conseguenza.

Iscriviti alla nostra newsletter

Azioni da Comprare oggi 2 Aprile

Oggi ho scovato queste quattro azioni molto interessanti che volevo condividere per un investimento sul medio lungo periodo: tutte e quattro sono pronte per un bel breakout. Chiaramente potrebbe anche non verificarsi, il mercato è quello che è lo sappiamo, ma le teniamo d’occhio perché nel caso invece si verificasse il breakout potrebbero salire ancora.

Le quattro azioni da comprare oggi sono:

Lindblad Expeditions Holdings / LIND: Nasdaq

Lindblad Expeditions Holdings fornisce servizi di crociera e viaggi di tipo avventuroso, come Avventure nel Mondo in Italia per intenderci solamente che qui siamo a livello continentale e con volumi di fatturato completamente differenti.

Offre inoltre i viaggi attraverso una flotta di proprietà di otto navi da spedizione e cinque navi charter stagionali con il marchio Lindblad e gestisce anche spedizioni ecocompatibili e tour di piccoli gruppi incentrati sull’ecologica e il rispetto della natura sotto il marchio Natural Habitat. La compagnia ha un’alleanza strategica con la National Geographic Society. Lindblad Expeditions Holdings, Inc. è stata fondata nel 1979 e ha sede a New York.

azioni da comprare oggi

MFC Bancorp / MFCB: Nyse

MFC Bancorp è una società di merchant banking, cioè fornisce vari servizi finanziari a società e istituzioni in tutto il mondo. La società è specializzata in mercati che non sono adeguatamente indirizzati dalle fonti tradizionali di approvvigionamento e finanza, con particolare attenzione alla fornitura di soluzioni per le piccole e medie imprese.

Offre garanzie bancarie, lettere di credito, factoring, altre operazioni di finanziamento, servizi di investimento e consulenza proprietari e prodotti e servizi di merchant banking.

La società detiene anche vari beni di produzione, tra cui uno stabilimento per la lavorazione della lega di zinco situato in Slovacchia; una centrale elettrica a gas naturale situata in Alberta, Canada e una centrale idroelettrica situata in Africa; un laminatoio non ferroso in Germania; e un impianto di produzione e lavorazione di gas naturale ad Alberta, in Canada, nonché un sub-affitto minerario delle terre su cui si trova la miniera di ferro di Wabush a Terranova e Labrador, in Canada.

Inoltre, ha interessi negli interessi degli idrocarburi situati nel centro ovest di Alberta, in Canada ed è coinvolta in attività commerciali relative a attrezzature mediche, strumenti, forniture e servizi. La società era precedentemente nota come MFC Industrial Ltd. e aveva cambiato nome in MFC Bancorp Ltd. nel luglio 2017. MFC Bancorp Ltd. è stata costituita nel 2017 e ha sede a Dublino, in Irlanda.

azioni da comprare oggi

Roku Inc. / ROKU: Nasdaq

Roku gestisce una piattaforma di streaming TV. La compagnia opera in due segmenti, Platform e Player e la sua piattaforma consente agli utenti di scoprire e accedere a vari film e episodi TV, così come eventi sportivi, musica, notizie e altro.

Al 31 dicembre 2018, la società contava 27,1 milioni di abbonati attivi.

Fornisce inoltre prodotti pubblicitari, inclusi annunci video, sponsorizzazioni di marchi e programmi di mercato dell’audience; e produce, vende e concede licenze televisive con il nome di Roku TV.

Inoltre, la società offre lettori multimediali in streaming e accessori con il marchio Roku. Fornisce i suoi prodotti e servizi attraverso rivenditori e distributori, nonché direttamente ai clienti attraverso il suo sito Web negli Stati Uniti, in Canada, nel Regno Unito, in Francia, nella Repubblica d’Irlanda, in Messico e in vari paesi dell’America Latina.

La società è stata fondata nel 2002 e ha sede a Los Gatos, in California.

azioni da comprare oggi

Terreno Realty Corporation / TRNO: Nyse

Terreno Realty Corporation acquisisce, possiede e gestisce immobili industriali in sei principali mercati costieri degli Stati Uniti: Los Angeles, New Jersey settentrionale / New York, San Francisco Bay Area, Seattle, Miami e Washington, D.C.

Vuoi altre azioni da comprare oggi? Iscriviti alla newsletter:

Azioni Apple: è il momento di acquistare?

Azioni Apple

Apple è una delle azioni più scambiate al mondo, con una capitalizzazione di ben 890 miliardi di dollari (è seconda solo a Microsoft che la supera di poco). Apple è anche un’azienda di moda tra gli azionisti, perché è stabile e con dei fondamentali di tutto rispetto e in continua crescita; inoltre, anche Warren Buffett la considera una delle aziende migliori in circolazione tanto che ne detiene la maggioranza con circa 27 miliardi di dollari di investimento.

Come sta andando Apple?

Tuttavia, la fine del 2018 è stata per le azioni Apple abbastanza problematica perché dopo una lateralizzazione del prezzo intorno ai 220 dollari nel periodo settembre-novembre 2018, il titolo è crollato fino a quasi 140 dollari nel periodo di dicembre, complice l’instabilità dei rapporti commerciali Cina-USA, ma anche la recessione americana prevista nel 2020 che incombe come una spada di Damocle sul mercato.

Ricordiamo infatti che il calo dei prezzi ha riguardato praticamente tutto il mercato azionario statunitense e che non riguardava solo Apple, anche se nei primissimi giorni di gennaio Cook ha messo il carico da 40 sostenendo in conferenza stampa che le vendite degli iphone a dicembre non erano poi andate così bene come si sperava.

Quindi? Caos.

A gennaio sembrava che le azioni della Apple fossero diventate la cenerentola di Wall Street, alcuni analisti erano convinti che Apple avrebbe fatto la fine di Nokia, altri ancora che sarebbe precipitata sotto i 140 dollari. In realtà sembrava quasi che Cook volesse ‘pararsi’ e far scendere il titolo ancora un altro pò per sfruttare poi l’effetto nuovi prodotti e servizi in primavera (ricordiamo il lancio del servizio streaming di Apple il 25 marzo in concorrenza a Netflix e lo scontro con Spotify per il presunto boicottaggio di Apple su App Store).

Analizziamo il Grafico Apple

Lasciando per un momento alle spalle l’emotività legata al periodo non certo roseo del mercato, se analizziamo i dati finanziari di Apple e guardiamo il grafico delle azioni, nel timeframe giornaliero possiamo notare quanto la soglia dei 190 dollari sia un test importante dove il prezzo sicuramente stazionerà per un bel pò.

E poi? Ci sarà un breakout che riporterà il prezzo verso i 200 dollari o avremo una fase di lateralizzazione durante il 2019? O peggio, un ritracciamento intorno ai 170 dollari?

Azioni Apple grafico settimanale

Azioni Apple grafico settimanale

Quello che ho notato nell’ultimo trimestre, è che Apple sia stata fortemente invitata da analisti e azionisti a riconsiderare la sua politica finanziaria e a diversificare rispetto alle vendite degli iphone che rappresentano ora il guadagno maggiore. Apple sta infatti puntando come tutte le big alla cosiddetta Subscription Economy, cioè la vendita dei servizi con abbonamento mensile che rappresenterà il futuro, dato che il possesso fisico del bene sarà sempre meno incentivato, sia nel settore telefonia che in tutti gli altri (noleggio auto ad esempio).

La stessa Microsoft come abbiamo già scritto percepisce gran parte degli utili dall’abbonamento mensile del software Word, quindi anche Apple vuole cominciare a percepire dei guadagni mensili costanti che non siano legati solo ai periodi di Natale o al Black Friday.

A ragion veduta quindi Apple ha licenziato a febbraio scorso quasi 200 persone che lavoravano al progetto dell’auto a guida autonoma, un settore nel quale probabilmente si inserirà non come produttore ma come generatore di contenuti digitali (musica e app).

Anche Angela Ahrendts, vicepresidente e responsabile nel settore retail di Apple, colei cha ha ridisegnato nel lusso il concetto dei negozi della mela, è stata invitata ad andare dopo ben cinque anni in azienda. Quindi grandi ristrutturazioni e pulziie di primavera. Ma per fare che? Dove vuole andare Apple?

Azioni Apple grafico mensile

Azioni Apple grafico mensile

Per come la vedo io il titolo Apple ha retto un grande scossone ed è pronto a tornare a crescere sul lungo periodo (cinque anni), mentre il 2019 rimane ancora un punto interrogativo per la probabile recessione, nel senso che le azioni Apple potrebbero lateralizzare nella fascia 170-200 dollari per un bel pò.

In tutto ciò a febbraio lo stesso Warren Buffett ha venduto l’1% delel azioni Apple proprio – è un’ipotesi – per sottolineare la linea guida di cambiamento che anche lui probabilmente pretende dall’azienda, troppo focalizzata sull’iphone negli ultimi due anni.

Se vuoi conoscere altre azioni da comprare, iscriviti alla nostra newsletter, riceverai un segnale di acquisto gratis a settimana:

Azioni da comprare oggi: 1 Aprile

Come di consueto ecco la nostra rubrica sulle quattro migliori azioni da comprare oggi in un’ottica di investimento lungo termine per cercare di prepararsi alla futura recessione USA. Vediamo insieme quali sono:

Aflac Inc. / AFL:Nyse

Aflac Incorporated, attraverso le sue controllate, fornisce prodotti integrativi per la salute e la vita. Opera attraverso due segmenti, Aflac Japan e Aflac US Il segmento Aflac Japan offre prodotti assicurativi volontari supplementari, tra cui piani antitumorali, piani di indennità medica generale, piani di assistenza, piani vita di sussidi, piani di assicurazione vita ordinaria e rendite vitalizie in Giappone.

Il segmento Aflac U.S. fornisce prodotti progettati per proteggere le persone dall’esaurimento di beni che comprendono incidenti, cancro, malattie critiche, indennità ospedaliere, cure dentistiche a benefici fissi e piani per la cura della vista; e prodotti di perdita di reddito, come i piani di disabilità a vita e a breve termine negli Stati Uniti. La società vende i suoi prodotti tramite agenti di vendita e intermediari, agenzie aziendali indipendenti, singole agenzie e agenzie aziendali affiliate.

azioni da comprare oggi

AvalonBay Communities / AVB:Nyse

AvalonBay Communities ha una lunga esperienza nello sviluppo, nella riqualificazione, nell’acquisizione e nella gestione di case per appartamenti in ​​alcuni dei migliori mercati statunitensi e nel fornire agli azionisti rendimenti eccezionali e adeguati al rischio.

Al 31 dicembre 2018, la Società possedeva o deteneva una partecipazione di proprietà diretta o indiretta in 291 comunità di appartamenti contenenti 85.158 case di appartamenti in 12 stati e nel Distretto di Columbia, di cui 21 comunità in fase di sviluppo e nove comunità in fase di riqualificazione.

FirstEnergy / FE:Nyse

azioni da comprare oggi

FirstEnergy è una società elettrica che attraverso le sue controllate, genera, trasmette e distribuisce elettricità negli Stati Uniti. La società opera attraverso i segmenti di distribuzione regolamentata e trasmissione regolamentata.

Possiede e gestisce impianti di produzione di energia elettrica a carbone, nucleare, idroelettrico, a gas naturale, eolico e solare. La società fornisce inoltre prodotti e servizi relativi all’energia per i clienti al dettaglio e all’ingrosso. Gestisce 24.506 miglia di circuito di linee aeree e sotterranee; e sistemi di distribuzione elettrici, tra cui 277.284 miglia di linee aeree e condotte sotterranee che trasportano circuiti primari, secondari e di illuminazione pubblica, oltre a possedere sottostazioni con una capacità totale di trasformatori installati di circa 164.611.989 kilovolt-ampere.

La società serve circa sei milioni di clienti in Ohio, Pennsylvania, West Virginia, Maryland, New Jersey e New York.

azioni da comprare oggi

NextEra Energy / NEE:Nyse

NextEra Energy attraverso le sue controllate, genera, trasmette, distribuisce e vende energia elettrica a clienti al dettaglio e all’ingrosso nel Nord America.

L’azienda genera elettricità attraverso impianti eolici, solari, nucleari e a gas naturale. Inoltre, sviluppa, costruisce e gestisce attività contrattuali a lungo termine con particolare attenzione agli impianti di generazione rinnovabile, alle condutture di gas naturale e ai progetti di stoccaggio delle batterie; e possiede, sviluppa, costruisce, gestisce e gestisce impianti di generazione elettrica nei mercati dell’energia all’ingrosso.

Al 31 dicembre 2018, la società gestiva circa 24.500 megawatt di capacità di generazione netta. Serve circa 10 milioni di persone attraverso circa 5 milioni di account di clienti nelle coste est e sud-ovest della Florida con circa 75.200 miglia di circuito di linee di trasmissione e distribuzione e 645 sottostazioni. La società era precedentemente nota come FPL Group, Inc. e ha cambiato il proprio nome in NextEra Energy, Inc. nel 2010.

Iscriviti alla newsletter di Azioni da Comprare:

Recessione in USA quasi certa nel 2020

recessione usa 2020

La curva dei rendimenti 10 anni / 3 mesi è da sempre considerata la migliore per prevedere le future recessioni, e in base alla sua recente inversione sembra palese che nel 2020 gli USA si troveranno in piena recessione, aggravata da due crisi che stanno assumendo proporzioni ragguardevoli: il debito scolastico e il debito legato alle rate delle auto degli americani.

Recessione USA: quali azioni comprare

Per incominciare quindi a prepararsi ad un periodo di recessione che potrebbe durare anche un paio di anni, alcuni analisti hanno selezionato un piccolo paniere di 3 azioni di aziende con dei dividendi sicuri perché con flussi di cassa resistenti alla recessione. Queste tre azioni sono:

  • Altria (MO)
  • Enbridge (ENB)
  • Dominion Energy (D)

Su Dominion Energy sono particolarmente felice, perché è stata una delle azioni segnalate nei nostri segnali la settimana scorsa, in anticipo su tutti gli altri analisti, quindi un’altra conferma sulla bontà del nostro Metodo nello scegliere le azioni da comprare.

Quanto durerà la recessione in USA

A quanto dicono gli esperti di settore, la recessione USA potrebbe avere una durata di circa due anni, con un periodo di pre recessione di circa 6 mesi e un periodo di stagnazione post recessione di altri 6 mesi, per arrivare a ben 36 mesi di crisi economica.

Durante la recessione 2020-2022 le aziende ne usciranno completamente rinnovate e cambiate, e constestualmente partirà il 5G che rivoluzionerà di fatto tutto quello che conosciamo: saremo iperconnessi in tutto quello che faremo, a cominciare dalla casa, dall’auto e dagli acquisti.

Gli americani non riesco più a comprare la prima casa

Ad aggravare la situazione è un report di Zero Hedge e CBS che rivela quanto sia ormai difficile per un americano riuscire ad acquistare la prima casa: anche in un periodo di tassi di interesse bassi e salari in aumento, gli americani semplicemente non possono permettersi una casa in più del 70% del paese. Su 473 contee statunitensi analizzate in un recente rapporto, 335 prezzi medi delle case quotate erano superiori a quanto potevano permettersi i salariati medi.

Walmart chiude almeno 11 negozi negli Stati Uniti

Walmart inoltre sta pensando di chiudere almeno 11 negozi in otto stati, secondo Business Insider , che ha dichiarato che la data di chiusura per la maggior parte dei punti vendita interessati è il 19 aprile.

Questo è emblematico anche di quanto stia cambiando il commercio e come tutto si stia spostando online.

Iscriviti alla Newsletter

I migliori libri sul trading e l’analisi tecnica

migliori libri trading

Ecco secondo me i libri di trading che andrebbero letti da chiunque si approccia a questo argomento, molto prima di pensare di fare operazioni a mercato occorre infatti studiare con costanza ed approfondire tutti gli aspetti del trading online e degli investimenti finanziari. Solo in questo modo si può evitare di distruggere il proprio capitale facendo un gravissimo danno alla propria famiglia e ai nostri cari.

Questi libri ve li ordino nel senso in cui li leggerei io se dovessi iniziare oggi. Tutti, chi più e chi meno, approfondiscono tre punti chiave del trading: la psicologia, il money management e l’analisi tecnica seppure tutti con approcci differenti tra loro.

Starà poi a ciascuno trovare la sua metodologia e il modo in cui operare. Bisogna sottolineare però che dal momento in cui pensiamo di fare trading all’effettivo primo ordine a mercato devono passare mesi e anni, nei quali studieremo e testeremo.

Non dobbiamo avere nè fretta nè farci prendere dall’azzardo perché in questo modo si rischia solo di rovinarsi. Iniziare questo percorso di lettura – anzi di studio – di questi 11 libri vi terrà impegnati per circa un anno, nel quale vi consiglio di non fare alcuna operazione di trading. Dovrete solo studiare senza avere fretta, al limite potete partecipare a qualche contest come Rataran.com.

Dovete affinare la pazienza, rendere il vostro trading meccanico e non emotivo, in questo modo saprete esattamente come comportarvi in ogni situazione, anche qualora capitasse un cigno nero.

I Libri di trading per chi inizia

Ecco i primi tre libri da leggere, scardineranno tutte le vostre convinzioni, vi spiegheranno che cos’è veramente il mercato e come funziona – e soprattutto come sopravvivere ad esso.

Vivere di Trading, di Alexander Elder

Diventare finanziariamente indipendenti, Van K. Tharp

Daytrading, Joe Ross

Libri sull’analisi Tecnica

Terminati i tre libri qui sopra avrete una visione del trading sicuramente diversa rispetto a quando avete inziato, sarete più maturi e coscienti che vi state immergendo in un mare pieno di squali pronti adivorarvi senza pietà.

Ora potete incominciare a studiare l’analisi tecnica con due maestri del settore, Pring e Murphy, che hanno scritto due libri ironicamente dallo stesso titolo.

Analisi tecnica dei mercati finanziari, Martin J. Pring

Analisi tecnica dei mercati finanziari (Metodologie, applicazioni e strategie operative), John J. Murphy

Libri di approfondimento al trading

Letti i primi cinque libri avrete una base di partenza importante e potete cominciare ad approfondire il percorso che vi porterà ad una padronanza maggiore seppure ancora in linea teorica.

Investire al momento giusto, Larry Williams

45 anni a Wall Street, W.D. Gann

Trading come Business, Joe Ross

Guida operativa al day trading, Martin J. Pring

I segreti del trading di breve termine, Larry Williams

Trading con il Ross Hook, Joe Ross

Newsletter segnali di trading

Come avere una rendita mensile

Come avere una rendita mensile

Il mercato del lavoro è quello che è, chi ha qualche capello grigio in più si è reso conto di quanto sia peggiorato in termini qualitativi rispetto a dieci o venti anni fa: a tutto questo dobbiamo aggiungere un’economia italiana in netto calo proprio da circa vent’anni.

E’ normale quindi che molti – i più svegli, che in qualche modo non vogliono avere un atteggiamento passivo verso il futuro – stiano pensando a come avere una rendita mensile aggiuntiva allo stipendio e alla pensione.

Rendita mensile e Money Management

Bene, il trading potrebbe essere una di quelle cose che – se fatto bene – riuscirebbe a dare una piccola rendita mensile aggiuntiva. Ma, e sottolineo ma, è una di quelle cose che se gestite male semplicmente brucia tutti i risparmi. Quindi l’atteggiamento giusto da tenere verso qualsiasi investimento nel mercato azionario deve essere di profonda umiltà e cautela, con uno studio continuo e mirato prima di pensare di operare con soldi veri.

In più, occorre padroneggiare quello che viene definito Money Management, ovvero la gestione, il controllo, la pianificazione delle proprie finanze, trading online compreso.

Incomincia a risparmiare

Intanto, bisogna operare un cambiamento psicologico su tutto ciò che facciamo quotidianamente, entrando nella modalità risparmio. Elimineremo quindi la colazione al bar, il caffé alla macchinetta dell’ufficio, il pranzo durante la pausa lavoro, i piccoli acquisti su amazon, le cene fuori casa: il pranzo ce lo porteremo da casa e quando stiamo pensando di acquistare qualcosa online dobbiamo convertirla in ore di lavoro, in questo modo elimineremo la maggiorparte degli acquisti compulsivi.

E’ infatti risparmiando quelle piccole somme mensili che pensiamo siano irrilevanti che incominceremo a mettere da parte un extra ogni mese, quantificabile come segue:

  • colazione al bar: 1,5€ x 20 = 30 € al mese
  • pranzo: 7€x20= 140€ al mese
  • piccoli acquisti inutili su amazon: 50€ al mese

Solo con queste tre operazioni potremmo risparmiare ben 220€ al mese, praticamente la rata di un mutuo per una piccola seconda casa.

Gestisci le tue finanze mensili

Questi 220€ che risparmierai mensilmente li accantonerai su un conto separato, meglio ancora su una carta ricaricabile tipo postepay: sarà il tuo salvadanaio digitale. Inoltre, dovrai sapere esattamente a quanto ammonta il costo mensile della spesa alimentare per te e la tua famiglia. In media una famiglia italiana spende tra i 400€ e gli 800 € al mese per la spesa tutti i mesi.

Incomincia a tenere i conti e a distanza di tre o quattro mesi avrai una stima di massima. Fatto questo dovrai cercare di decurtare del 15% quella cifra, approfittando delle offerte, cambiando supermercato, facendo la spesa online, togliendo gli extra inutili. In questo modo potresti riuscire a risparmiare circa 80€ al mese, che sommati ai 220€ di prima raggiungono l’importante cifra di 300€ al mese.

Complimenti, con poco sforzo ti sei portato già a casa una piccola rendita mensile.

Investi questi piccoli risparmi e falli fruttare

300 € al mese corrispondono a circa 3600 € l’anno, una signora cifra, se sarai costante potresti ritrovarti un bel gruzzolo da parte tra dieci anni, ben 36.000 € che potranno aiutarti nella quotidinità e negli imprevisti di tutti i giorni.

Se poi, con l’interesse composto e un’investimento che riesca a fruttate il 10% l’anno, questo piccolo capitale potrebbe anche incrementare un pò.

Ma devi fare molta attenzione, perché come ti dicevo prima, il trading è famoso per bruciare velocemente i capitali attirando i novizi inesperti con le promesse di facili guadagni dirottandoli verso prodotti finanziari rischiosissimi come i cfd, le leve, il forex, le opzioni.

Negli investimenti devi avere un approccio da buon padre di famiglia, come suggerisce lo psicologo e trader Alexander Elder nel suo libro Vivere di Trading. Non devi avere fretta e non devi investire tutto il capitale ma frazionarlo, rischiandone solo il 2% alla volta.

Ma per farlo, dovrai prima studiare molto e diventare un esperto: ricorda, il mercato è avido e vuole i tuoi soldi, non sarà facile riuscire a guadagnare con il trading e sicuramente ci vorranno almeno due anni prima di operare a mercato da quando inizierai ad interessanti all’argomento.

Newsletter Segnali di Trading

Se ti iscrivi alla mia newsletter riceverai uns egnale di trading gratis alla settimana, così puoi iniziare ad approfondire il mercato azionario USA e il mio Metodo.

Azioni da acquistare oggi

azioni da acquistare oggi

Stai pensando di entrare a mercato oggi? In questa breve guida ti spiegherò come scegliere le azioni da acquistare oggi: sono le stesse metodologie che seguo anche io e che utilizzo per il mio trading.

Per comodità ho diviso in più punti l’articolo.

Prima di acquistare

Prima di acquistare devi tenere a mente che le operazioni che farai fanno parte del tuo trading system, quindi a monte avrai elaborato un Metodo con delle regole che seguirai a menadito, a che segnerai sul tuo trading journal.

In ogni caso, ricorda di non farti prendere dalla fretta, ricorda non rischiare per ogni singola operazione più del 2% del tuo capitale. Non aprire più di due operazioni nella stessa settimana e fai attenzione che le azioni che compri siano di due settori differenti.

Aspetta mezz’ora almeno dall’apertura del mercato e segui questi step:

indici usa

Controlla gli indici di oggi

Controlla i tre principali indici USA (Dow Jones, Nasdaq, Standard & Poor’s 500) e verifica in quel momento qual è il trend di riferimento: se è positivo puoi passare al punto successivo, se è negativo non acquisti nella giornata di oggi e smetti di controllare il mercato. Ripeterai l’operazione nella giornata di domani. In questo modo tuteli te stesso e il tuo capitale evitando di entrare in un mercato in perdita.

heatmap trading

Controlla la heat map di oggi

Controlla la Heat Map del mercato: se è rossa desisiti dall’acquistare e chiudi il computer. Riproverai domani. Se invece è verde, di un verde brillante, allora puoi proseguire con il punto successivo e controllare i settori che sono in trend positivo.

quali sono i settori in trend positivo

Controlla i Settori che stanno guadagnando

Per scoprire i settori di mercato che sono in trend positivo e che quindi stanno guadagnando, dovrai fare un’analisi sulle performance ad 1 giorno, ad 1 settimana e ad un mese. Per andare su un esempio pratico, guardando i tre grafici qui sopra, ti concentrerai principalmente sulle Utilities, Conglomerates, Technology e Consumer Goods. Evita Financial e Industrial Goods.

Inserisci i parametri sullo Screener

Inserisci questi parametri sul tuo Screener (gli abbonati a Segnali e Strategie ricevono il mio Screener aggiornato ogni settimana) e lo screener stesso ti rilascerà una serie di azioni filtrate in base a ciò che hai inserito.

Controlla il grafico dell’azione

Fatto questo, controllerai le singole azioni restituite dallo screener e verificherai che sul timeframe giornaliero, settimanale e mensile abbiano un trend positivo (no laterale, no in calo). Le azioni che non rispettando questi standard le toglierai dalla selezione.

Controlla i fondamentali dell’azione

Ora per le poche azioni rimaste verificherai i fondamentali, ovvero principalmente gli EPS degli ultimi 5 anni, se sono positivi o meglio in crescita terrai in cosiderazione l’azione, in caso negativo la scarterai.

Controlla le news sull’azione

Fatto questo controlla le news e il calendario economico delle azioni rimaste (a questo punto se sarai fortunato ne saranno rimaste forse due o tre) ed evita le azioni delle aziende che hanno per la giornata in corso indetto conferenze stampa di qualsiasi tipo (dividendi, utili o altro).

Questo metodo che ti ho appena illustrato ti consentirà di aumentare a livello statistico le probabilità di fare un buon investimento acquistando un’azione in trend positivo e con buoni fondamentali.

Per come la vedo io, ti consiglio però di investire nel weekend e a mercato chiuso, perché così non ti fai influenzare a livello psicologico e riesci a rimanere distaccato: il tuo trading ne gioverà.

Se vuoi, iscrivendoti alla newsletter riverai un segnale di trading gratis a settimana: