Cosa fare quando un segnale va in stop loss

segnali di trading efficaci

Oggi voglio analizzare le varie ipotesi che possono accadere con i singoli segnali di trading, perché c’è molta confusione soprattutto tra chi è all’inizio del percorso di trading.

I segnali vanno usati con una strategia

Non basta abbonarsi ad un servizio di segnali di trading (compreso il nostro) e acquistarne qualcuno a scatola chiusa. Occorre avere una strategia di trading propria, con delle regole ferree che contemplano il rischio e il drawdown.

Devi porti queste domande: Ho un Trading Plan? Sto compilando un Trading Journal? So esattamente quanto è il mio rischio per singola operazione e conosco prima di operare a quanto ammonteranno le mie perdite? Se non hai risposto sempre si a queste domande, allora non devi usare alcun servizio di segnali di trading, perché probabilmente ci sono delle lacune del tuo modo di operare che devi colmare prima di pensare di investire.

I segnali di trading sono fatti per investire sul medio e lungo periodo, cioè da un minimo di un mese a due o tre o cinque anni. Dipende.

Come agiscono gli Investitori Istituzionali

I segnali di trading si dividono fondamentalmente in quelli che partono e salgono, quelli che non partono, quelli che partono e chiudono in stop loss, e quelli che partono e lateralizzano.

Ma perché succede questo? Semplice, nel mercato operano i cosiddetti investitori istituzionali, che potendo vedere gli ordini di acquisto e di vendita, compresi i tuoi stop loss, riescono alcune volte a far oscillare il prezzo verso il basso prima che possa effettivamente fare il breakout. Lo fanno inserendo degli ordini a mercato short o long per tentare di forzare vendite o acquisiti e poi cercare di indirizzare il prezzo dove vorrebbero.

E’ chiaro che è una lotta ad armi impari, quindi è possibile che un segnale di trading molto valido, efficace, si bruci in stop loss e poi magari dopo sette giorni sia a +10%, ma noi non possiamo farci nulla.

Come trader retail dobbiamo seguire le nostre strategie ed accontentarci di quegli utili che potremmo riuscire a fare durante l’anno, senza innamorarci di un’azione.

Il segnale cala? Vendilo subito.

I segnali vanno analizzati prima di acquistare l’azione

Non acquistare alla cieca i segnali che ricevi, analizzali prima. Guarda il grafico dell’azione: ti convince? E’ il tuo modo di operare, oppure non te la senti? Ricorda: non devi operare per forza!

Informati sull’azienda che stai acquistando: cosa fa? Che prodotti vende? Non acquistare a caso, si tratta del tuo denaro e hai faticato molto per ottenerlo, mantenere i capitale deve essere la tua priorità.

I Segnali non sono fatti per il daytrading

Se pensi di usare i segnali per il daytrading sei completamente fuori strada: i profitti li vedrai a distanza di un mese almeno, ovviamente per quei segnali che saliranno. Gli altri li chiuderai appena vanno in perdita.

Il Segnale non parte

Spesso succede che il segnale non parta subito, ma addirittura dopo tre, sette o dieci giorni. Nulla di strano. Lascialo aperto, verifica il grafico a distanza dii due settimane se non è ancora partito e fai le tue valutazioni.

Il Segnale va in stop loss

Il segnale parte e poi ritraccia e viene fermato dallo stop loss? Pazienza, avanti un altro. Chiudi contenendo le perdite al minimo possibile e concentrati su un’altra operazione, questa è andata male. Il mercato è così, non sarai certo tu che potrai cambiarlo.

Il Segnale parte e lateralizza

Succede anche questo, purtroppo. Il segnale parte e poi, lateralizza rischiando di avvicinarsi allo stop loss. Anche in questo caso se il segnale va in stop dobbiamo semplicemente prenderla come una delle regole del gioco, mantenendo un certo distacco emotivo sulla nostra oeprazione che non è andata a buon fine.

Regole utili con i segnali di trading

Devi capire che i segnali di trading non sono il Vangelo: su 100 segnali, ce ne saranno molti che partiranno e saliranno, ma altri che andranno in stop loss necessariamente ed altri che ti faranno perdere qualcosa perché ad esempio l’azione cala in premarket.

Non puoi farci nulla. Il mercato è così.

Chiudi subito i segnali in perdita e lascia correre solo quelli in attivo, spostando lo stop loss in alto mano a mano che sale. Le perdite fanno parte del gioco, ecco perché devi sapere in anticipo quanto perderai, in questo modo avrai sotto controllo le tue finanze ogni giorno.

Iscriviti alla newsletter:

Libri di Trading in Offertatrading