Come reagiranno le azioni Apple al Coronavirus?

Azioni Apple coronavirus

(da Yahoo Finanza) Lunedì, con la chiusura dei mercati statunitensi, Apple ( AAPL ) ha annunciato che a causa del coronavirus non avrebbe rispettato le linee guida sui ricavi del primo trimestre.

La società ha citato due fattori nel suo comunicato stampa: i vincoli di approvvigionamento globali dovuti alle fabbriche Apple che tornano online più lentamente del previsto e la domanda cinese diminuisce perché meno persone fanno acquisti e i negozi sono aperti per meno ore.

Martedì, le azioni di Apple sono diminuite dell’1,8%. Il mercato più ampio, tuttavia, è stato misto: l’S & P 500 è sceso dello 0,29% e il Nasdaq ha effettivamente guadagnato terreno, aumentando dello 0,02%.

E mentre questa notizia ha sicuramente ricordato l’avvertimento di Apple del gennaio 2019 , gli analisti hanno visto le ultime dichiarazioni cautelative dell’azienda che delineavano un semplice ritardo della domanda a causa del coronavirus, non una distruzione della domanda come suggerito nel commento della guerra commerciale di Apple del 2019.

Forse non a caso, quindi, gli analisti di Wall Street sono rimasti generalmente positivi su Apple dopo l’ultimo avviso relativo alla Cina. E mentre i risultati finanziari di Apple saranno influenzati a breve termine, nella mente di molti analisti la storia a lungo termine per l’azienda sia in Cina che nel mondo è invariata. In effetti, potrebbe anche essere migliorato.

“Stiamo abbassando le nostre stime per il trimestre del 20 marzo, ma lasciando invariate le stime per tutti gli altri periodi futuri”, ha dichiarato Michael Olson, analisti di Piper Sandler in una nota ai clienti pubblicata martedì.

“Riteniamo che qualsiasi debolezza sostanziale delle azioni AAPL a causa della carenza di entrate del trimestre del 20 marzo si rivelerà un’opportunità di acquisto, poiché, con ogni probabilità, questa è una situazione temporanea che lascerà inalterato i trimestri futuri. In effetti, i vincoli di offerta dell’iPhone nell’attuale trimestre potrebbero provocare una domanda repressa per i trimestri futuri . ” (Enfasi aggiunta.)

Piper Sandler ha un target di prezzo di $ 343 e un rating di sovrappeso sulle azioni Apple.

Katy Huberty di Morgan Stanley ha dichiarato in una nota martedì che i margini di Apple non sembrano essere a rischio, scrivendo che “il deficit del trimestre di marzo è interamente legato alla manodopera, piuttosto che a componenti, vincoli e Apple non si aspetta alcuna significativa inflazione dei costi dei componenti A quest’ora.”

Huberty aggiunge che “un deficit legato alla domanda maggiore del previsto aumenterà le stime nei trimestri futuri poiché non riteniamo la domanda deperibile alla luce dei forti tassi di fidelizzazione tra i proprietari di iPhone”.

Morgan Stanley ha un target di prezzo di $ 368 e un sovrappeso su azioni Apple. La società ha dichiarato di essere acquirenti di qualsiasi debolezza dello stock.

Jeffrey Kvaal di Nomura Instinet ha scritto martedì che il “rivestimento d’argento” nel taglio della guida di Apple è che la domanda repressa per iPhone potrebbe essere respinta fino alla prossima versione principale dell’azienda, iPhone 12.

“Non crediamo ancora che le tempistiche dell’iPhone 12 di Apple siano in pericolo”, scrive Kvaal. “La domanda che si insinua nel ciclo di iPhone 12 potrebbe alimentare la narrativa del” superciclo “che ha alimentato le azioni di Apple negli ultimi tempi.”

Nel 2019, Apple ha accusato la guerra commerciale e una decelerazione superiore alle previsioni nell’economia cinese di aver danneggiato la sua attività durante l’importante quartiere delle vacanze.

“Poiché il clima di crescente incertezza ha pesato sui mercati finanziari, gli effetti sembravano raggiungere anche i consumatori, con il traffico verso i nostri negozi al dettaglio e i nostri partner di canale in Cina in calo con il progredire del trimestre”, ha affermato il CEO Tim Cook. “E i dati di mercato hanno dimostrato che la contrazione nel mercato degli smartphone della Grande Cina è stata particolarmente acuta.”

Le azioni Apple sono calate del 10% il giorno dopo questa notizia, mentre il mercato più ampio è sceso di quasi il 3%. Il mercato di inizio 2019 non era propenso a mettere il rossetto sul maiale di Apple. Ma questo terribile avvertimento ha anche segnato il fondo sia per le azioni dell’azienda che per il mercato complessivo.

Libri di Trading in Offertatrading