Frenano le vendite di auto in USA

azioni-vendite-auto-usa

Malgrado quello che si possa pensare, se non si conosce bene il settore, le vendite di auto in USA sono in fase di stallo dal 2016 e il trend per i prossimi anni dovrebbe addirittura subire un lento declino.

Questo perché da diverso tempo gli americani fanno fatica a saldare le rate del prestito chiesto per l’acquisto di un’automobile: come successo per i mutui subprime si indebitano per una rata superiore a quanto possano effettivamente rimborsare e alla fine vanno in default.

Questa sarà una delle prossime bolle a scoppiare.

Ragionando invece come investitori, su quali azioni del settore Auto è meglio investire, e quali invece vendere? Vediamolo in questa tabella che raccoglie sia le azioni delle case automobilistiche che quelle delle società che fanno parte dell’industria produttiva e dell’indotto.

Azioni settore Automotive: indotto

Azioni interessanti

  • AZO
  • SAH
  • ABG
  • CVNA
  • CPRT
  • LAD
  • KMX
  • GPI

Azioni da evitare

  • RUSHA
  • SAH
  • CARG
  • CARS
  • AN
  • CVNA
  • CPRT
  • CRMT
  • LAZY
  • LAD
  • KMX
  • GPI
  • PAG
  • PBY
  • ORLY
  • AAP
  • CVGI
  • MGA

Azioni Case automobilistiche

Azioni interessanti

  • F
  • RACE
  • SORL

Azioni da evitare

  • BLBD
  • FCA
  • GM
  • HMC
  • KNDI
  • NIO
  • NIU
  • SOLO
  • TM
  • TSLA
  • TTM

L’evoluzione del settore auto

Come appare chiaro a chiunque, ci troviamo in un momento di grandi cambiamenti per il settore automotive: Petrolio e Gas stanno per essere sostituiti dall’elettrico, con l’interazione del 5G e probabilmente anche il modo di acquistare un’auto cambierà radicalmente nei prossimi anni, diventando non un possesso del bene ma un semplice noleggio.

In questa fase ci saranno quindi aziende che emergeranno e aziende destinata al fallimento, come in tutti i cambiamenti economici: stare sul pezzo e monitorare il segmento auto del mercato finanziario aiuta a percepire quando è il momento di acquistare le azioni e soprattutto su quali azioni puntare.

Per saperne di più iscriviti alla newsletter: